Correva l’anno 1980. Avevo 7 anni e sulle pagine di Topolino campeggiava la pubblicità di alcuni incredibili set da costruzione.

La LEGO aveva da poco introdotto la linea TECHNIC.

Scatole di montaggio per costruttori molto esperti, che promettevano di trasformarti in  un vero ingegnere.

Ma quello che attirava i miei più forti desideri era l’8860, il “telaio della macchina” che metteva in mostra fantasmagorici meccanismi.

Ricordo che non potevo fare a meno di fissare gli ingranaggi per il sedile reclinabile!

Ma le mie piagnucolanti richieste all’indirizzo di mamma e papà non sortirono alcun effetto: il set 8860-1: Car Chassis (668 pezzi) rimase un oggetto del desiderio, troppo costoso ed introvabile per essere acquistato ad un bambino della mia età!
 


 

Le Cars Chassis


In realtà l’8860 non fu la prima versione della Car Chassis: ne esiste una versione precedente, la 853-1: Car Chassis (601 pezzi) esattamente del 1977, anno del lancio della serie Technic. Questo primo set non è però rimasto nel cuore degli appassionati: era molto semplice, senza sospensioni e con un motore dai componenti elementari.

Sul mercato dei collezionisti, il set 8860 vale da nuovo circa 700 euro (circa 50 euro usato, quindi molto poco). Mentre il set 853 si porta a casa usato con poco più di 100 euro (è impossibile trovarlo nuovo, avrebbe comunque cifre altissime).

LEGO quindi sfodera una operazione nostalgia per i 70 anni della linea TECHNIC: ristampa le scatole del 2017, inserendo un pezzo speciale commemorativo (un beam 3M Technic bianco con la serigrafia 40) ma soprattutto festeggia l’anniversario attraverso un bundle di 3 set che, insieme, promettono di far risplendere una nuova versione della Car Chassis.
 

Cosa è necessario?

E’ sufficiente possedere 3 set regolari LEGO: Il 42063 BMW R1200GS Adventure, il 42061 Ruspa Telescopica, il 42057 Elicottero Ultraleggero.

Si possono acquistare da un bundle sul sito LEGO, oppure separatamente sul sito amazon.it (si risparmia un po’). Qui in calce alcuni link diretti per l’acquisto:

A questo punto non vi serve altro che scaricare (da qui) le istruzioni di montaggio, che però sono disponibili esclusivamente in digitale (PDF).
 
Ecco il time-lapse della costruzione, qualche foto ed alcune considerazioni finali!
 

La costruzione del set

Qui qualche immagine del set appena montato:


 

Considerazioni…

Ma quindi come è questo anniversario dei 40 anni LEGO TECHNIC?

  1. Le istruzioni del set speciale sono disponibili per il download gratuito sul sito di LEGO. E sono disponibili in PDF. L’immagine che LEGO propone della guida sul suo sito, in perfetto stile anni ’70, faceva sperare che insieme al bundle dei set arrivasse anche un libro. Niente di tutto questo. Almeno avessero messo le istruzioni nell’APP in 3D per la costruzione
  2. Ho comprato il bundle direttamente dalla LEGO, sperando comunque di ricevere anche una confezione speciale o del materiale che commemorasse i 40 anni della linea Technic. Nulla di tutto questo: i set sono esattamente quelli già in vendita. Lo sconto è minore di quello disponibile su amazon.it, da cui quindi conviene acquistare.
  3. Alla fine della costruzione rimangono inutilizzati molti pezzi. Ma soprattutto ne vengono richiesti davvero pochi dal set 42057, tanto da chiedersi se non si potesse realizzare un piccolo kit integrativo da accompagnare ai 2 set più grandi. O se non sia il caso di rivolgersi direttamente su BrickLink.
  4. La macchina assomiglia più ad una Buggy, che ad un telaio per un’auto normale. Il design è singolare, con un motore piuttosto articolato ma senza meccanismi interessanti.
  5. Il cambio, seppur interessante, non aggiunge alcun valore aggiunto, non essendoci parti mobili sul resto dell’auto.
  6. I sedili scorrono in orizzontale e non si reclinano, come nel set originale. Il cofano frontale, una volta aperto, non fa vedere nulla al suo interno.
  7. I pezzi speciali del 40th anniversario sono disponibili in ogni set normale, quindi il bundle non aggiunge nulla di più e non fornisce alcun elemento esclusivo.

Deludente. Soprattutto considerato il costo e l’occasione mancata.


 

Perché comprarlo?

Perché, come al solito, LEGO sfrutta l’effetto nostalgia di chi in quegli anni ha riconosciuto nei suoi set un elemento di straordinario cambiamento. Una operazione di marketing (a costo quasi zero) perfettamente riuscita. E gli appassionati non posso non rendersi partecipi di un compleanno da 40 candeline attraverso una costruzione che, seppur non bellissima, rimane unica.

Qui un’altra galleria: